Le lenti giuste per una visione ottimale

Quali lenti esistono per correggere efficacemente i difetti e i problemi visivi?

Miopia, ipermetropia, presbiopia: sono molti i problemi visivi che possono limitare la nostra percezione visiva. Nella maggior parte dei casi, un paio di occhiali con le giuste lenti possono aiutare ad avere una visione nitida. Ma quali lenti rispondono meglio ai diversi difetti visivi? Le lenti sono l’elemento più importante di un paio di occhiali e scegliere quella giusta non è semplice. MIGLIORE VISIONE spiega: quali lenti esistono per correggere efficacemente i difetti e i problemi visivi?

Soluzioni visive ad uso generico

Lenti monofocali per miopia e ipermetropia

Le lenti monofocali presentano lo stesso potere diottrico su tutta la superficie della lente, ovvero la prescrizione è identica in ogni parte della lente. Vengono utilizzate sia per la visione da lontano sia per la lettura, ovvero per le due situazioni più comuni in cui si indossano gli occhiali. Qual è la differenza? Se utilizzate per la lettura, le lenti monofocali sono ottimizzate per la visione attraverso le zone da vicino e vengono adattate in base alla distanza di lettura abituale del portatore. Queste lenti agevolano egregiamente non solo la lettura di libri, ma anche dei caratteri piccoli sugli schermi di Smartphone e tablet. 

Per meglio comprendere la miopia e l’ipermetropia, dobbiamo prima spiegare come funziona la nostra vista: per poter percepire gli oggetti nitidamente quando li guardiamo, i nostri organi visivi devono proiettarli esattamente sulla retina, né davanti né dietro. Nelle persone affette da difetti visivi questa capacità è compromessa. Nelle persone affette da ipermetropia, l’occhio visualizza gli oggetti vicini dietro la retina e il cervello li percepisce sfocati. Nella miopia, invece, gli oggetti lontani appaiono sfocati perché l’occhio mette a fuoco le immagini davanti alla retina e non su di essa.

Lenti monofocali per la miopia

Lenti monofocali per la miopia

Lenti monofocali per l’ipermetropia

Lenti monofocali per l’ipermetropia

L’astigmatismo può essere corretto con le lenti monofocali. A tal fine viene aggiunta alla lente un ulteriore potere che compensa l’astigmatismo, noto come correzione del cilindro (“cil” sulla ricetta della lente). Le lenti che risultano sono chiamate lenti toriche.

Lenti monofocali per l’astigmatismo

Lenti monofocali per l’astigmatismo Lenti monofocali per l’astigmatismo

Lenti prismatiche per l’eteroforia

Nei pazienti affetti da eteroforia, le lenti prismatiche ottimizzano l’interazione tra gli occhi. In presenza di eteroforia, nota anche come strabismo latente, gli occhi non sono perfettamente paralleli e la percezione dello spazio ne risente. Il cervello e i muscoli oculari cercano costantemente di evitare lo sdoppiamento delle immagini e questo sforzo può stancare molto, arrivando anche a provocare emicranie. Gli occhiali con lenti prismatiche compensano questa visione irregolare grazie a uno smalto speciale applicato su almeno una delle lenti. Questa soluzione migliora la mobilità e l’interazione tra gli occhi, permettendo al portatore di vedere più nitidamente e con minore sforzo.

Lenti bifocali per i problemi di visione da vicino e da lontano

Le lenti bifocali sono costituite da due lenti e permettono al portatore di vedere nitidamente sia gli oggetti vicini sia gli oggetti lontani. Si distinguono per la linea orizzontale che divide le due lenti: la metà inferiore è notevolmente più piccola e ricorda una piccola finestra. Questa è la “zona di lettura” per la visione da vicino, mentre il resto della lente permette una visione ottimale nel lontano. Questa doppia prescrizione dà il nome alla lente: in latino, bi significa “due” e focal indica il “punto focale”. In passato, le lenti bifocali erano comunemente utilizzate per correggere la presbiopia. Oggi questa soluzione è abbastanza obsoleta. Molti portatori trovano la linea orizzontale antiestetica o addirittura fastidiosa, ad esempio quando devono salire le scale. Qual è la soluzione? Le lenti progressive moderne. Queste lenti offrono una transizione graduale tra le zone di visione e di conseguenza un maggiore comfort visivo.

Lenti bifocali

Lenti trifocali per i problemi visivi a distanze multiple

Le lenti trifocali (tri significa “tre”, focal significa “punto focale”) hanno una struttura simile alle lenti bifocali ma sono utilizzate dalle persone affette da presbiopia. In aggiunta all’ottimizzazione per la visione da vicino e da lontano, in queste lenti viene integrato un ulteriore intervallo di correzione per le distanze intermedie, ovvero tra 50 e 150 cm. Le lenti trifocali presentano gli stessi svantaggi delle lenti bifocali: una transizione brusca tra le zone di visione e una linea visibile che divide la lente. Per questi due motivi, sempre più persone preferiscono le moderne lenti progressive.

Lenti progressive per correggere i principali difetti visivi

Lenti progressive per correggere i principali difetti visivi

Le lenti progressive presentano un chiaro vantaggio rispetto alle lenti bifocali e trifocali. Le lenti progressive presentano poteri diversi per le zone vicino, intermedio e lontano, e tutto questo in un’unica lente, senza linea divisoria e con una transizione graduale dall’alto al basso, dalla visione da lontano a quella da vicino. Le lenti progressive permettono una visione nitida e rilassata a tutte le distanze e sono la scelta ideale per correggere contemporaneamente miopia, ipermetropia e presbiopia. Agevolano efficacemente la lettura, il lavoro al computer o il lavoro manuale, ma supportano egregiamente anche la visione da lontano.

Varifocali

Grazie ai metodi di produzione all’avanguardia e all’eccezionale comfort visivo, le lenti progressive di ZEISS sono create tenendo in considerazione diversi fattori per rispondere alle specifiche esigenze del portatore. Alcuni dei parametri che vengono considerati durante la produzione delle lenti ZEISS sono: la distanza tra le pupille, l’angolo pantoscopico e la distanza dal vertice corneale.

La presenza di immagini sfocate nelle zone di transizione o la difficoltà a salire le scale, caratteristiche tipiche delle prime generazioni di lenti progressive, sono ormai un ricordo del passato. Le moderne lenti progressive non solo permettono una visione nitida e naturale, ma anche una messa a fuoco a tutte le distanze e in tutte le direzioni. Si rivelano un ottimo paio di occhiali per l’uso quotidiano, come primo paio di occhiali oppure come passaggio dalle lenti di lettura alle lenti progressive, oppure anche per coloro che fino a questo momento hanno utilizzato solo lenti per il lontano. Le lenti progressive sono la soluzione ideale per chi comincia a mostrare i primi segni di presbiopia, oppure per le persone affette da astigmatismo che iniziano a sviluppare presbiopia.

Qualsiasi siano le tue esigenze, il tuo ottico sarà felice di aiutarti a trovare le lenti progressive iuste per te.

Lenti ad uso specifico

Un paio di occhiali deve essere unico come la persona che lo indossa. In funzione dello stile di vita, degli hobby o del lavoro, gli occhiali devono potersi adattare per soddisfare un’ampia serie di esigenze diverse. Per questo è fondamentale sottoporsi a un esame approfondito dell’efficienza visiva presso il proprio ottico e farsi consigliare la lente più giusta per le proprie esigenze. In aggiunta alle opzioni “standard” di lente, esistono anche diverse soluzioni per uso specifico che aiutano ad ottenere una visione ottimale. Per esempio:

Lenti per contrastare lo stress visivo digitale

L’utilizzo di dispositivi digitali, come Smartphone ed e-reader, mette a dura prova i nostri occhi ogni giorno. I nostri occhi devono abituarsi a un nuovo intervallo di visione da vicino per far fronte alla distanza ridotta a cui teniamo i dispositivi digitali rispetto a un giornale o a un libro. Inoltre i nostri occhi devono passare costantemente tra distanze di visione diverse e questo sforzo può portare a mal di testa e tensione al collo, stanchezza e bruciore agli occhi, in particolare con l’avanzare dell’età. Una soluzione potrebbero essere lenti per la visione da lontano con un supporto speciale nell’intervallo da vicino, come le Lenti Digital di ZEISS. Queste lenti sono pensate per l’utilizzo dei dispositivi digitali e permettono di mettere a fuoco più facilmente nell’intervallo vicino e lontano. La tecnologia Digital Inside di ZEISS è disponibile anche per lenti progressive.

Lenti Digital di ZEISS

Lenti per vedere bene e ridurre gli abbagliamenti alla guida

Vedere bene è la condizione fondamentale per una guida sicura perché quando guidiamo i nostri occhi sono sottoposti a uno sforzo straordinario, dovuto al continuo spostamento della messa a fuoco tra strada, navigatore, specchietto retrovisore e specchietti laterali. Condizioni meteorologiche avverse e condizioni di luce non favorevoli pregiudicano spesso la qualità visiva. Grazie a queste lenti, progettate per affrontare determinati condizioni sfavorevoli durante la guida, si riduce lo stress visivo alla guida restituendo una visione più confortevole. Anche la sensazione di abbagliamento può essere contrastata grazie alle lenti DriveSafe.

lenti DriveSafe

Lenti occupazionali

Le persone iniziano solitamente a percepire un cambiamento della propria situazione visiva attorno ai 40 anni: lavorare al computer spostando lo sguardo dalla tastiera al monitor, o dal calendario al telefono diventa improvvisamente più faticoso per gli occhi. Per poter vedere nitidamente a diverse distanze, si iniziano ad assumere inconsciamente posture scomode, ad esempio protraendo la testa in avanti oppure spingendo il mento verso l’alto. Dolori alla schiena e al collo, occhi secchi o lacrimosi, sono solo alcun delle possibili conseguenze. Le lenti Office di ZEISS prevengono questo tipo di stress perché sono studiate per la particolare esigenza visiva del portatore in ufficio e sono ottimizzate per tutte le distanze di visione durante il lavoro davanti al computer. Le lenti da lettura e le lenti progressive, spesso non offrono la soluzione ideale perché le aree importanti della lente non sono ottimizzate per il lavoro al computer. Gli occhiali da lettura permettono una visione ottimale solo a distanza ravvicinata, la quale è tuttavia è inferiore alla distanza tra gli occhi e lo schermo del computer o la scrivania. Con le lenti progressive, si guarda il monitor attraverso l’area intermedia della lente e deve sollevare la testa verso l’alto per vedere lo schermo nitidamente. Entrambi i tipi di lente promuovono una postura innaturale mentre si è seduti al computer.

Lenti Office di ZEISS

Le lenti a scurimento automatico per proteggere efficacemente dal sole senza cambiare occhiali

Sia al lavoro che a casa, un paio di lenti a tinta variabile sapranno aumentare il tuo comfort visivo in molte situazioni. Sapevi che è possibile dotare qualsiasi lente della tecnologia di scurimento automatico? Queste lenti offrono allo stesso tempo una protezione perfetta dai raggi UV e un’ottima visione, eliminando il fastidio di dover cambiare occhiali. Non solo, queste lenti sono dotate di tutte le caratteristiche che ci si aspetta da una lente: migliore percezione dei contrasti e riduzione degli abbagliamenti, senza dimenticare il trattamento antiriflesso. Queste lenti reagiscono all'intensità dei raggi UV regolando la propria tonalità. Si scuriscono nel giro di pochi secondi e tornano trasparenti in pochi minuti.

Le lenti a scurimento automatico
Le lenti a scurimento automatico

Grazie all’ampia selezione di lenti disponibili saprai trovare quella giusta per te. E qual è la lente giusta per te? Scoprilo recandoti presso un Centro Ottico rivenditore ZEISS. Ricorda: un’analisi esaustiva delle tue esigenze visive è tutto ciò che ti serve per trovare la lente perfetta per te!

Trova un Centro Ottico ZEISS vicino a te

Articoli correlati

Le sopracciglia non mentono Cosa dicono di noi le nostre sopracciglia
Come vengono prodotte le lenti per occhiali? Dalle lenti in materiale plastico a quelle in vetro di ZEISS: tutto quello che c’è da sapere sulla produzione delle lenti.

Comprendere la Visione 28-mar-2018

Tag:

Riconoscere i disturbi visivi Miopia, ipermetropia, astigmatismo ecc.: quali sono i disturbi visivi e come possiamo correggerli?
Discromatopsia rosso-verde, daltonismo rosso-verde e acromatopsia completa Quante forme di daltonismo e discromatopsia esistono? Come si riconoscono?

Comprendere la Visione 29-nov-2017

Tag:

Prodotti correlati