INNOVATION made by Zeiss

Trasformare i dati in punti di svolta per le cure.

ZEISS Integrated Diagnostic Imaging


Integrare dati che guidino la gestione delle malattie.

ZEISS Integrated Diagnostic Imaging

Ogni giorno, potete fare affidamento su dati per gestire più efficacemente le malattie. Ma l'integrazione manuale di questi risultati separati, oltre a richiedere molto tempo, può risultare inefficace. Spesso, infatti, sembra quasi che siano i dati a gestire voi, e non il contrario. Con la piattaforma Integrated Diagnostic Imaging di ZEISS potrete personalizzare la terapia in base alle esigenze specifiche dei vostri pazienti, aumentando così le vostre capacità di trattamento e ampliando il vostro livello di cura.

Scoprite il mondo della diagnostica integrata con ZEISS.

Imaging multimodale

Un'esigenza fondamentale nell'oftalmologia odierna

La multi-modalità nella diagnostica e nell'imaging sta diventando sempre più lo standard di cura nelle cliniche oculistiche. La capacità di valutare e confrontare i dati provenienti da diverse modalità offre ai medici un nuovo livello di fiducia nel proporre un regime di trattamento personalizzato per le esigenze individuali di ciascun paziente. In questo video, il dott. Giovanni Staurenghi spiega perché oggigiorno la diagnostica multimodale è così importante. La domanda è: le pratiche di imaging multimodale di oggi sono efficaci ed efficienti?

Un supplemento Retina Today

Imaging multimodale: l'ultima evoluzione nell'angiografia OCT e nell'UWF

Gli specialisti della retina condividono la loro visione sulla necessità di disporre di tecnologie come l'OCTA e l'Ultra-Widefield imaging per facilitare la diagnosi, il trattamento e il follow-up dei loro pazienti.

Studio clinico

Amartoma astrocitico cavitario della retina, invisibile e simile ad un nido d'ape

L'imaging multimodale è importante nella determinazione delle cause di perdita della vista e nell'individuazione di tumori del fondo oculare subclinici. In questo caso, gli amartomi astrocitici della retina clinicamente invisibili sono stati rilevati soltanto tramite OCT e il flusso vascolare circostante tramite OCTA. Retinal Cases & Brief Reports: dicembre 2017

L'imaging multimodale è in grado di rilevare i cosiddetti "tumori fantasma"

Un aggiornamento dalla Wills Eye Conference

Per gli ultimi post e le ultime immagini delle tecnologie medicali di ZEISS, seguiteci sui social:

Semplificare la complessità.

Per quanto mi riguarda, per ciascun paziente esamino e analizzo una quantità sempre crescente di dati, che sono sempre più complessi, e questo richiede davvero troppo tempo. Come possiamo affrontare queste sfide? Come possiamo sfruttare i nostri strumenti diagnostici per offrire cure più efficaci ai nostri pazienti? Per me, la risposta è semplice: attraverso una migliore integrazione, visualizzazione e analisi dei dati.
 

Peter Karth, MD, MBA; Oregon Eye Associates, Eugene, Oregon, USA

Le nuove tecnologie sono un must, ma l'efficienza è la chiave.

In quanto medici, il paziente è la vostra prima priorità e questo significa offrire il migliore livello di cura possibile. Eppure, questo non basta. La crescente popolazione dei pazienti chiede anche efficienza, e se da un lato l'avvento di nuove e avanzate tecnologie ha migliorato la cura dei pazienti, dall'altro i medici non hanno più il tempo di accedere a piattaforme multiple per la revisione di dati diversificati.

"Devo essere in grado di utilizzare questa montagna di dati diagnostici per prendere decisioni in merito a terapie complesse e spesso costose", spiega il dott. Peter Karth, MD, MBA. E deve poterlo fare velocemente.

Entrate nella piattaforma Integrated Diagnostic Imaging di ZEISS, la soluzione multimodale basata su software capace di raccogliere, combinare e associare dati provenienti da dispositivi diagnostici diversi, migliorando il processo decisionale e l'efficienza.

Tecnologie che funzionano meglio se combinate fra loro

L'imaging widefield a colori del fondo oculare e l'angiografia OCT hanno rivestito un ruolo fondamentale nella diagnostica e nella gestione delle patologie retiniche, innalzando il livello di cura offerto dai medici ai propri pazienti. Scoprite in che modo la piattaforma integrata ZEISS di imaging diagnostico compie un ulteriore passo avanti in questo ambito.

Il glaucoma è una complessa malattia progressiva, che richiede continue valutazioni di follow-up. Lo standard di riferimento per la cura del glaucoma è da tempo il test del campo visivo, mentre la tomografia a coerenza ottica ha dimostrato di avere un ruolo fondamentale nel permettere ai medici di identificare mutamenti nella progressione, che potrebbero influire sulla gestione della malattia. Se i dati ottenuti dai due esami vengono combinati e associati fra loro, i risultati possono essere illuminanti. Date un'occhiata.

Che cos'è la diagnostica integrata?

Scaricate una visione da insider.

In questo articolo, il dott. Peter Karth fornisce una panoramica dettagliata sul problema della gestione dei dati che oggi affligge la maggior parte dei medici, e di come un approccio integrato alla diagnostica multimodale, di cui ZEISS è pioniere, stia aprendo la strada per il futuro. Condividete con noi il vostro interesse per l'imaging diagnostico integrato e potrete effettuare subito il download.