Trattamenti indurenti

Trattamenti indurenti

Attualmente, i trattamenti indurenti rappresentano lo standard nell’ambito di un trattamento antiriflesso. Pertanto si utilizzano lacche che formano una protezione ideale tra la superficie della lente e il trattamento AR più delicato.

1. Vantaggi

Sempre raccomandati, a volte imprescindibili

Grazie alla ridotta densità, le lenti in materiale organico sono estremamente leggere e quindi molto confortevoli da indossare. Tuttavia, hanno uno svantaggio: la superficie relativamente morbida le rende soggette ai graffi. Per porre rimedio a questo inconveniente, le lenti in materiale organico possono essere rivestite con un trattamento indurente protettivo.

I graffi sulle lenti non solo comportano una forte luce diffusa che determina una visione “lattiginosaˮ e offuscata, ma rappresentano anche uno svantaggio cosmetico. Il trattamento indurente dello spessore approssimativo di 2 µm rende la superficie più resistente ai graffi e quindi incrementa la qualità e la durata delle lenti.

Vantaggi di un trattamento indurente

  • Superiore resistenza delle lenti ai graffi 
  • Maggiore durata
  • Cura facilitata della lenti grazie alla resistenza ai graffi
  • Maggiore durata della qualità visiva delle lenti


La resistenza superficiale delle lenti organiche ad alto indice è così ridotta che un trattamento indurente è imprescindibile. Questo è il motivo per cui ZEISS fornisce sempre lenti organiche ad alto indice con un trattamento indurente di serie.

Ulteriori informazioni
Chiudi

2. Come viene prodotto?

Il trattamento indurente delle lenti organiche utilizzando unalacca ad immersione è una tecnologia molto recente rispetto alla tecnica di trattamento AR introdotta per la prima volta nel campo delle lenti oftalmiche nel 1959. Sebbene la lente organica Clarlet sia stata lanciata sul mercato nel 1963, il primo trattamento indurente ad immersione è stato introdotto solo oltre vent’anni dopo. ZEISS ha iniziato ad offrire le lenti Clarlet con un trattamento indurente ad immersione nel 1986. Dieci anni dopo, il trattamento indurente era già diventato un trattamento standard indispensabile per le lenti organiche.

Attualmente, ogni giorno fino a 9000 lenti organiche sono trattate con lacca indurente nello stabilimento ZEISS di Aalen, Germania.

Come viene prodotto?

Nel processo di trattamento indurente, le lenti vengono immerse in unalaccapolisilossano specifica per ogni indice refrattivo

I trattamenti indurenti ad immersione sono realizzati solitamente con lacchepolisilossani. Grazie alle proprietà elastiche, questelacche formano una protezione ideale tra la superficie della lente e il trattamento AR più delicato. ZEISS utilizza la tecnica ad immersione per applicare tutti i trattamenti indurenti alle lenti organiche. Dopo un processo di pulitura e di pretrattamento, diverse lenti vengono posizionate su un supporto speciale ed immerse nellalaccapolisilossano.

Lo spessore del trattamento indurente dipende dalla velocità alla quale le lenti vengono immerse e rimosse e dalla viscosità della lacca. Per assicurare di ottenere sempre la viscosità necessaria, la temperatura ambiente deve rimanere costante a 18°C.

Il controllo delle velocità di immersione e rimozione è computerizzato e, come per la viscosità, è necessario un lavoro meticoloso per assicurare il rispetto delle specifiche e garantire la qualità del trattamento. Le condizioni all’interno della“camera bianca” sono fondamentali per evitare la contaminazione da polvere.

Per l’indurimento della lacca ad immersione, le lenti vengono passate attraverso un forno di essicazione. In base al materiale utilizzato, le lenti rimangono da tre a quattro ore nel forno. Il processo di essicazione crea un legame chimico stabile tra la lente e lalacca, che impedisce un possibile distacco successivo.

Ulteriori informazioni
Chiudi

3. Immersione e deposizione sotto vuoto

Un confronto

A parte le cosiddette tecniche di “chimica a bagnoˮ, per rivestire le lenti con uno strato indurente è anche possibile utilizzare processi di deposizione sotto vuoto. Tuttavia, il materiale depositato – quarzo (SiO2) – è molto delicato. Spesso i graffi aprono completamente i trattamenti delle lenti formando numerose sottili crepe sulla superficie della lente. La lente assume presto un aspetto “lattiginosoˮ che pregiudica le sue proprietà ottiche.D’altro canto, i graffi su un trattamento indurente a lacca causano molti meno danni alla superficie della lente trattata. Sia la qualità ottica che l’aspetto cosmetico delle lenti rimangono intatti per un periodo di tempo più lungo. Questo è il motivo per cui ZEISS utilizza solo la tecnica di “chimica a bagnoˮ per produrre trattamenti indurenti a lacca.

Immersione e deposizione sotto vuoto

Ingrandimento fotografico di un graffio su CR 39 con trattamento al quarzo depositato sotto vuoto

Immersione e deposizione sotto vuoto

Ingrandimento fotografico di un graffio su CR 39 con trattamento indurente a lacca

Ulteriori informazioni
Chiudi

4. Elevata qualità

Elevata qualità

Elevata qualità dei trattamenti indurenti ZEISS

Dall’introduzione del primo trattamento indurente ad immersione in ZEISS nel 1986, si è costantemente migliorata la qualità dei trattamenti. Il risultato: ora tutte le lenti con trattamento indurente di ZEISS si caratterizzano per uno standard di elevata qualità.

L’utilizzo di materiali organici di nuova generazione per le lenti per occhiali comporta la necessità di impiegare sistemi a lacca altrettanto moderni e dalle ottime performances.

Elevata qualità

Lo sviluppo di materiali per lenti si concentra sull’incremento dell’indice refrattivo. Per ottenere lo stesso standard di qualità per i trattamenti indurenti su qualsiasi materiale, ZEISS utilizza lacche indurenti specifiche per le proprietà dei diversi materiali. Più elevato è l’indice refrattivo del materiale, più elevato è l’indice della lacca.

Per garantire l’elevato standard di qualità dei trattamenti indurenti, ZEISS lavora in condizioni di “camera bianca”.

Ulteriori informazioni
Chiudi

5. Altissimo indice

Altissimo indice per lenti e trattamento indurente

Dopo che Carl Zeiss è stato il primo produttore europeo ad avere successo nella polimerizzazione di una lente organica con indice elevato 1.665 per la produzione in lotti, l’azienda ha concentrato la propria attenzione sul miglioramento delle strutture del trattamento utilizzate per questo materiale.

Il risultato: un trattamento indurente ad alto indice è utilizzato anche per le lenti ZEISS Monofocale AS 1.67 e ZEISS Monofocale Sf 1.6. Uno dei vantaggi di questo trattamento speciale specifico è la grande forza adesiva e quindi la straordinaria durata che assicura alla lente. Un altro vantaggio fondamentale è l’eliminazione delle fastidiose “frange di interferenza”; si ottiene così una lente cosmeticamente interessante sotto tutti gli aspetti.

Su questo sito Web utilizziamo cookie. I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati dai siti Web sul computer dell’utente. Ampiamente utilizzati, i cookie sono strumenti di ausilio per migliorare le pagine e rappresentarle in maniera ottimizzata. Consultando le nostre pagine l’utente acconsente al loro impiego. Di più