Back To Top
Occhio ametrope

ZEISS Prodotti

Informazioni essenziali sui prodotti da vista e oftalmici ZEISS: Lenti ZEISS, Trattamenti e lenti colorate & Strumenti

Di più

Contattaci

Sei interessato ad una partnership con Carl Zeiss Vision o sei già cliente di prodotti Carl Zeiss Vision e hai domande da sottoporci?

Di più

Temi

Occhio ametrope

Qui sono disponibili ulteriori informazioni sulla struttura dell’occhio, sui diversi difetti visivi esistenti e sulle alterazioni della visione dai 40 anni in poi.

1. Occhio umano

Sezione orizzontale di un occhio umano

Occhio umano

Sezione orizzontale di un occhio umano

Occhio emmetrope

Occhio emmetrope

2. Emmetropia

Nella accomodazione per lontano, un occhio emmetrope produce sulla retina immagini nitide di un punto oggetto infinitamente distante, cioè il punto focale si trova esattamente sulla retina.
La lunghezza (ca. 24 mm) e il potere di rifrazione (Feye = +59 D) dell’occhio accomodato per la visione per lontano sono abbinati con precisione l’una all’altro. Il punto per lontano si trova all’infinito.

Animazioni sulla visione: occhio con visione normale

Punto per lontano MR
L’occhio può accomodare a diverse distanze cambiando il potere di rifrazione del cristallino (accomodazione). Quando la lente presenta il potere di rifrazione più basso possibile, cioè con l’impostazione di distanza più lunga possibile, si utilizza il termine “accomodazione per lontanoˮ.
Il punto per lontano MR è il punto oggetto che è riprodotto in modo nitido sulla retina nell’accomodazione per lontano.

Una lente effettua la correzione in modo completo, se il punto focale sul lato immagine F’ coincide con il punto per lontano MR.

Ulteriori informazioniUlteriori informazioni
ChiudiChiudi

Occhio ametrope

Occhio ametrope

3. Ametropia

Se è presente qualsiasi sproporzione tra il potere di rifrazione e la lunghezza dell’occhio quando è accomodato per la visione per lontano, l’occhio è ametrope. Il punto per lontano non si trova all’infinito, ma ad una distanza finita di fronte o dietro l’occhio.
Si effettua una distinzione tra miopia e ipermetropia. In entrambi i casi può essere presente ametropia sferica o astigmatica (astigmatismo).

Animazioni sulla visione: occhio astigmatico

Ametropia

Occhio con ametropia astigmatica

Ametropia sferica
L’ametropia è classificata come sferica se il potere di rifrazione dell’occhio è lo stesso su tutti i meridiani. Il punto focale dell’occhio ametrope accomodato per la visione per lontano si trova di fronte o dietro la retina.
Per correggere queste condizioni, è necessaria una lente con un potere sferico.

Ametropia astigmatica
L’ametropia è classificata come astigmatica se l’occhio mostra due poteri di rifrazione differenti su due piani (meridiani principali), uno perpendicolare all’altro.
Le linee focali e il cerchio di minima confusione compreso tra queste possono trovarsi di fronte o dietro la retina. Inoltre, una linea focale può trovarsi di fronte alla retina mentre l’altra dietro. È anche possibile che una delle due linee focali si trovi esattamente sulla retina.
Per correggere queste condizione, è necessaria una lente con un potere astigmatico. L’occhio e la lente formano poi insieme un sistema ottico il cui punto focale si trova sulla retina.

Ulteriori informazioniUlteriori informazioni
ChiudiChiudi

Occhio miope

In alto: occhio miope
In basso: occhio miope con lente correttiva negativa

4. Miopia

Nell’occhio miope accomodato per lontano, il punto focale si trova nella parte interna dell’occhio di fronte alla retina; ne consegue che l’acuità visiva è ridotta nella visione per lontano.
Per consentire nuovamente una visione nitida per lontano, l'eccessivo potere di rifrazione va corretto con una lente negativa, in modo che il punto focale del sistema lente/occhio si trovi nuovamente sulla retina. Nella miopia, il punto per lontano MR si trova ad una distanza finita di fronte all’occhio.

 

Animazioni sulla visione: occhio miope

Ametropia assiale e rifrattiva

Se il potere di rifrazione di un occhio ametrope corrisponde al potere di rifrazione dell’occhio schematico, ma la sua lunghezza è differente, si utilizza il termine “ametropia assialeˮ.
Se il potere di rifrazione del sistema ottico è differente da quello dell’occhio schematico mentre la sua lunghezza è normale, si utilizza il termine “ametropia rifrattivaˮ.
La maggior parte dei tipi di ametropia non è né assiale né rifrattiva, ma è un insieme delle due forme. Durante la refrazione, non è possibile stabilire quale tipo di ametropia è presente. L’aspetto importante è l’estensione dell’ametropia, non la sua causa.

  Ipermetropia
Miopia
Ametropia assiale Occhio troppo corto
Occhio troppo lungo
Ametropia rifrattiva Potere di rifrazione troppo basso
Potere di rifrazione troppo elevato
Ulteriori informazioniUlteriori informazioni
ChiudiChiudi

Occhio ipermetrope

In alto: occhio ipermetrope
In basso: occhio ipermetrope con lente correttiva positiva

5. Ipermetropia

Se un occhio ipermetrope accomoda per lontano, il punto focale si trova dietro la retina. Aumentando il potere di rifrazione del cristallino (accomodazione), l’ipermetropia può essere corretta in modo completo o parziale. Pertanto, l’acuità visiva per oggetti lontani non viene necessariamente ridotta, ma l’accomodazione richiesta può causare affaticamento degli occhi.
Per garantire che la visione nitida per lontano sia possibile anche quando l’occhio accomoda per lontano, l'insufficiente potere di rifrazione va corretto con una lente positiva, in modo che il punto focale del sistema lente/occhio si trovi nuovamente sulla retina. In caso di ipermetropia il punto per lontano MR si trova dietro la retina.

Animazioni sulla visione: occhio ipermetrope

Ametropia assiale e rifrattiva

Se il potere di rifrazione di un occhio ametrope corrisponde al potere di rifrazione dell’occhio schematico, ma la sua lunghezza è differente, si utilizza il termine “ametropia assialeˮ.
Se il potere di rifrazione del sistema ottico è differente da quello dell’occhio schematico mentre la sua lunghezza è normale, si utilizza il termine “ametropia rifrattivaˮ.
La maggior parte dei tipi di ametropia non è né assiale né rifrattiva, ma è un insieme delle due forme. Durante la refrazione, non è possibile stabilire quale tipo di ametropia è presente. L’aspetto importante è l’estensione dell’ametropia, non la sua causa.

  Ipermetropia
Miopia
Ametropia assiale Occhio troppo corto
Occhio troppo lungo
Ametropia rifrattiva Potere di rifrazione troppo basso
Potere di rifrazione troppo elevato
Ulteriori informazioniUlteriori informazioni
ChiudiChiudi

Presbiopia

In alto: occhio presbite durante la visione per vicino
In basso: occhio presbite con lente di correzione positiva durante la visione per vicino

6. Presbiopia

Per essere in grado di visualizzare nitidamente gli oggetti vicini, il potere di rifrazione dell’occhio deve essere aumentato rispetto al potere di rifrazione necessario per la visione per lontano. Allo scopo si effettua l’accomodazione, in base alla quale soprattutto la superficie anteriore del cristallino aumenta la propria curvatura.
Tuttavia, con l’invecchiamento, diminuisce l’elasticità del cristallino e quindi l’abilità di accomodare. Sebbene questo processo inizi già da giovani, non si nota finché la persona non raggiunge l’età di ca. 40 anni, quando la nostra capacità di accomodare diminuisce fino a non consentire più la messa a fuoco per vicino. La persona deve tenere un quotidiano o un libro con le braccia distese per poterlo leggere e, presto, la lunghezza delle braccia non è più sufficiente.

Animazioni sulla visione: visione dopo i 40 anni

Presbiopia con lente correttiva

Per essere nuovamente in grado di mettere a fuoco per vicino, è necessario utilizzare una lente che compensi il potere accomodativo mancante dell’occhio presbite. Per il presbite emmetrope è necessaria sempre una lente con potere positivo. Generalmente si applica il seguente principio: la lente necessaria per la visione per vicino ha un potere superiore in direzione positiva rispetto alla correzione necessaria per la visione per lontano.


Per la precisione, la presbiopia non è un tipo di ametropia, bensì il risultato di un normale sviluppo fisiologico che si verifica in ogni occhio. La presbiopia peggiora con l’invecchiamento.

Ulteriori informazioniUlteriori informazioni
ChiudiChiudi
 

Su questo sito Web utilizziamo cookie. I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati dai siti Web sul computer dell’utente. Ampiamente utilizzati, i cookie sono strumenti di ausilio per migliorare le pagine e rappresentarle in maniera ottimizzata. Consultando le nostre pagine l’utente acconsente al loro impiego. Di più

OK