Esame soggettivo della vista

Passo 3: L'esame soggettivo della vista fornisce ulteriori dati per produrre lenti di precisione

Questo esame è probabilmente più familiare: la misurazione soggettiva della vista – nota anche come refrazione – è usata per ottenere dati precisi per la definizione delle proprie lenti di precisione. Lenti diverse vengono poste sistematicamente davanti agli occhi e viene richiesto di descrivere che cosa si vede e come lo si vede.

L'esame prosegue continuando a cambiare il potere delle lenti provate, finché si ottiene una visione ottimale. Con la collaborazione del paziente, l'ottico determina la prescrizione ottimale per le lenti. Ma la definizione delle lenti ZEISS personalizzate non finisce qui.

 

I sistemi di misurazione ZEISS, come i.Polatest®, uno strumento di controllo dell’efficienza visiva nel vicino, permettono di esaminare e valutare i diversi aspetti della vista in ogni situazione immaginabile.

 

Viene esaminata anche la percezione tridimensionale, cioè la capacità di percezione con entrambi gli occhi. Tutti questi dati vengono inclusi nella definizione delle lenti di precisione personalizzate.

 

Passo 4 della definizione delle lenti ZEISS personalizzate: Perfetta centratura

Su questo sito Web utilizziamo cookie. I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati dai siti Web sul computer dell’utente. Ampiamente utilizzati, i cookie sono strumenti di ausilio per migliorare le pagine e rappresentarle in maniera ottimizzata. Consultando le nostre pagine l’utente acconsente al loro impiego. Di più