Back To Top

La storia della Società Carl Zeiss

L’officina di meccanica e ottica di precisione fondata da Carl Zeiss a Jena nel 1846 iniziò a godere di un riconosciuto periodo di prosperità già durante i suoi primi anni di attività. Sulla base dei suoi successi scientifici, Ernst Abbe fu gradualmente coinvolto come personaggio di spicco nel campo dell’ottica. Questo periodo di successo continuò per un secolo. Solo la forzata divisione della Germania, a seguito dei fenomeni politici della II Guerra Mondiale, portò la Società Carl Zeiss a dividersi in due aziende.

Con il successivo cambiamento politico della Germania Orientale nel 1989/90, le due aziende si riunirono nuovamente a formare una sola società nel 1990. Riunita, nonostante la sua storia movimentata, Carl Zeiss divenne anche più forte di prima. Oggi, la Società continua a guardare al futuro con ottimismo e spirito di innovazione costante.

Come iniziò l’avventura

Il 17 Novembre 1846, il trentenne ingegnere meccanico Carl Zeiss aprì un’officina e un piccolo magazzino nella Neugasse N°7 a Jena. In soli pochi mesi, Zeiss, che non solo aveva una solida base teorica e una buona esperienza pratica, ma frequentava molto anche gli scienziati e i matematici dell’Università di Jena dell’epoca, poteva già contare su un parco clienti per cui effettuava riparazioni di apparecchi e strumenti scientifici o li produceva secondo le indicazioni richieste. In aggiunta, vendeva occhiali (i primi modelli), strumenti di precisione per la progettazione, telescopi ecc. Nel 1847, il successo raggiunto sul mercato incoraggiò Zeiss ad assumere un assistente e un apprendista, e ad affittare due altre officine nella Wagnergasse N°34. Nell’estate del 1847, seguendo il consiglio del suo insegnante, il botanico Mattias Jacob Schleiden, Zeiss rivolse la sua attenzione alla costruzione di un primo semplice microscopio. Nel Settembre 1847, produsse i primi prototipi di microscopi.

 

All’inizio degli anni ’50 dell’’800, aumentò la domanda per gli strumenti di osservazione prodotti nelle officine Zeiss, che ora godevano di una buona reputazione tra gli utilizzatori di microscopio grazie alla loro cura dei dettagli in fase di produzione e precisione. A quel tempo, il livello di interesse mostrato dagli scienziati e dai medici e ricercatori nei microscopi cresceva sempre più perché erano gli unici strumenti che consentivano ingrandimenti tali da soddisfare le loro esigenze. Inizialmente il metodo di produzione di tali strumenti era talmente dispendioso e frutto di tentativi che distolse Zeiss dalla costruzione degli stessi, soprattutto in virtù del fatto che fosse convinto che dovesse esistere un metodo scientifico rigoroso per determinare gli elementi di base dei sistemi ottici. Tuttavia la concorrenza lo costrinse a costruire microscopi nel modo tradizionale dal 1857 in poi.

I primi anni

Carl Zeiss è una Società con una lunga tradizione che fu fondata da Carl Zeiss nel 1846 a Jena come officina di meccanica e ottica di precisione.

Dal 1872, i microscopi realizzati a Jena iniziarono ad essere costruiti sulla base di calcoli scientifici riportando così proprietà ottiche considerevolmente migliori rispetto al passato. Questo know how tecnologico, che fece guadagnare all’azienda un riconoscimento internazionale, è attribuibile al fisico e matematico Ernst Abbe, che divenne un partner importante seppur non attivo nell’officina ottica nel 1876.

La teoria della formazione dell’immagine nel microscopio di Abbe e la “sine condition” che dà lui prende il nome, diventa la base di tutta l’ottica ad alta prestazione.

 

Su questo sito Web utilizziamo cookie. I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati dai siti Web sul computer dell’utente. Ampiamente utilizzati, i cookie sono strumenti di ausilio per migliorare le pagine e rappresentarle in maniera ottimizzata. Consultando le nostre pagine l’utente acconsente al loro impiego. Di più

OK